A&V-PRODIR: tutti pronti per tour of Almaty

Nella gara a tappe kazaca UCI 2.1 il team cerca conferme dopo i grandi risultati di questi ultimi due mesi

Ed anche quest’anno (il 3° consecutivo) Amore & Vita – Prodir sarà presente al Tour of Almaty in Kazakistan, breve gara a tappe UCI Asia Tour 2.1 (30-31 Agosto). Il morale non può che essere alto, visti i recenti successi ottenuti in Portogallo e la considerevole serie di piazzamenti prestigiosi da fine Maggio ad oggi. Periodo in cui di fatto il team non è mai uscito dalla top 10 e top 15 di ogni competizione a cui ha preso parte.

Ad Almaty si torna a correre dopo un breve momento di meritato stop dopo tre mesi davvero molto intensi e ricchi soddisfazione. Gli atleti di punta sono andati a prepararsi in altura, così da recuperare meglio ed arrivare anche a questo appuntamento al top della condizione. Saranno due le frazioni in programma, ma entrambe da considerarsi molto impegnative sotto il profilo altimetrico. Tra le 21 formazioni al via ci sarà chiaramente il team World Tour ASTANA, oltre a 4 formazioni Professional, 3 nazionali e 13 Continental con Amore & Vita – Prodir che è sicuramente una delle più attese anche in prospettiva di un miglioramento del 3° posto conquistato nella scorsa edizione (sia nella prima frazione che nella classifica generale) da Pierpaolo Ficara.

«Cercheremo di cambiare in meglio il risultato del 2018, tentando di incrementarlo – spiega il TM Cristian Fanini – Ficara l’anno scorso ha sfiorato perfino il successo generale, ma ogni corsa ha la sua storia, quindi correremo con l’intento di ottimizzare ogni singolo fattore. Pierpaolo appare in discrete condizioni, così come Celano. Personalmente ho investito tanto fiducia su di loro e quest’anno seppur abbiano raggiunto entrambi molti ottimi risultati, cercano ancora quella vittoria che sarebbe tra l’altro davvero meritata. Quindi mi aspetto una bella prova di carattere da entrambi, visto che le qualità tecniche ed atletiche, così come la condizione fisica, non sono assolutamente in discussione. Poi ci sarà ancora Appollonio e anche se sulla carta le tappe non sembrino proprio idilliache per le sue caratteristiche, dico a tutti di non sottovalutarlo perché uno come lui è sempre pericoloso».

Oltre a Ficara, Celano e Appollonio, saranno al via i lettoni Luksevics, Ansons, Sergis e Pelcers.